LiQMAG n. 14

LEGGI ON LINE O SCARICA IL PDF

Edizione Limitata 1500 copie su Carta
Luglio 2015


CONCORSO LiQuido n. 4 “Memorie dal futuro” + FESTIVAL delle Culture Creative d’Impresa a Km 0 + LiQMag n. 14/Zero

Dal territorio di Rende e Cosenza verso la Calabria / It / Eu / World e viceversa. Un evento itinerante (da maggio a settembre 2017) con incontri di presentazione + esclusivi open-day (vernissage, esposizione, workshop e altro) nelle aziende partner + eventi collegati al Concorso (arte, musica, danza e altro) nei comuni partner + 3 giorni conclusivi di Festival (expo, creative, market, talk, laboratori e altro) in una prestigiosa location ( Rende/Cosenza) all’interno di un importante evento.

Obiettivo 20 creativi di cui 16 hanno visto la PUBBLICAZIONE su LiQMag n. 14 “MACCHINE PENSANTI”  oltre che l’ESPOSIZIONE nell’azienda iGRECO il 22 giugno 2017 a Cariati (CS), nella storica azienda Liquirizia AMARELLI  il 10 agosto 2017 a Rossano (CS) e come ultimo evento di apertura del FESTIVAL delle Culture Creative d’impresa a Km 0  – inserito nell’edizione n.52 del Settembre rendese – nell’azienda CALABRA MACERI il 16 settembre 2017.

I Creativi selezionati sono stati quindi esposti all’interno del Castello di Rende Museo Bilotti arte contemporanea (CS) dal 20 al 24 settembre 2017 per la prima edizione del FESTIVAL delle Culture Creative d’impresa a Km 0  inserito nel cartellone dell’edizione n. 52 del Settembre rendese .

I Creativi selezionati hanno inoltre partecipato ai premi speciali “Impresa LiQuida” e “Arte Urbana” presentando durante i giorni del Festival un progetto, in risposta alla Call/Brief delle aziende partner e/o una produzione/opera già esistente e/o che ha completato il progetto presentato al Concorso.

Il Creativo che partecipa al Concorso liquido n.4 non ha l’obbligo di produrre un prodotto finito (opera) al fine di accedere alla selezione della giuria tecnica e proseguire il Concorso. Egli presenta il progetto di un’opera che può essere finita (nel caso in cui presenta un prodotto finito), semi-finita o che può anche non esistere ancora, nel rispetto della tematica del Concorso. Il Creativo per presentare l’opera può usare l’immagine e la scrittura creativa (liquida) con uno stile evocativo, suggestivo, facendo per esempio foto del suo studio, degli strumenti che utilizza e/o che intende usare, di luoghi, persone, animali, cibo o altro di riferito all’opera, presentandola quindi da un punto di vista media quindi una meta-opera, un’opera concept che esiste come progetto. Il Creativo descrive l’opera raccontandola, se esiste la può fotografare ma, se non esiste può per esempio fotografare il luogo dove immagina che prenderà forma. Se fosse un quadro, una pittura, può fotografare la tela con i primi segni e descrivere attraverso un testo quello che vuole raggiungere oppure può fotografare un supporto bianco non ancora iniziato.


MACCHINE PENSANTI

Non è vero che saranno i Robot a dominarci nel prossimo futuro. Se non riesce un uomo riescono più uomini e se neanche loro riescono allora sì che ci vuole una macchina enorme come la luna. Gli uomini – intesi come genere umano che evolve se stesso attraverso due sessualità in grado di procreare – faranno di tutto. Ma questo è nella loro indole. Sentirsi mortali nemmeno per sogno. Perciò, meglio creare “esseri“ immortali piuttosto che altri, fragili, esseri umani. Per esempio, potremmo creare grandi organizzazioni per durare centinaia di anni, fatte di persone che ogni giorno rinunciano a parti di sé per nutrire qualcosa di più importante, per la sopravvivenza di tutti. Macchine che pensano di nutrire il grande formicaio con la speranza di sopravvivere e tornare un giorno ad essere libere [PiGreco].


GUEST CONTENTS
FRANCESCO VISCA

Francesco Visca nasce in un posto di mare (Crotone), cresce in un porto mare (Schiavonea), affascinato dal viaggio e dalla ricchezza della diversità. Si forma tra studi scientifici, esperienze sociali, tanto volontariato; e fa tutt’altro lavoro, in un call center di Rende. Non ha diplomi da mostrare, solo la voglia di coltivare passioni, senza pretesa di piacere a nessuno.

FRANCESCO CIARDULLO

Nasce a Cosenza il 26/04/1993. Si laurea in Scienze della Comunicazione presso l’Università della Calabria. Il suo stile è caratterizzato dallo “scatto rubato” ad arrivare al più attento e studiato “reportage”. Un modo di fotografare che viene modellato nel tempo con diversi corsi, workshop e diverse collaborazioni.

ORESTE MONTEBELLO

Fotografo professionista nato a Soverato (Cz) il 9 novembre del 1965.
Ho vissuto a Roma, Milano, Parigi, Barcellona, Madrid e nella ex Jugoslavia. Ho fotografato cinema, teatro e musica underground. I delitti della Roma Capitale,  la cronaca quotidiana e le cronache rosa. Ho lavorato per La Repubblica, Il Messaggero, Il Tempo, Il Venerdì della Repubblica, Corriere della Sera Sette, Panorama, , Espresso, Libération, El Pais, La Presse, Master foto, Dufoto, Reporter Associati, F3Press, Sigma, De Bellis. Oggi vivo a Soverato da free lance.

CREATIVI E OPERE SELEZIONATE DAL CONCORSO LIQUIDO

Diego Dattola | Roberta Saullo | Adelaide D’AgostinoTirso Ceazar Pons | Giulia Renzi | Immacolata Melito | Erika Godino | Daniela Petrone | Barbara Priolo | Salvatore Privitera | Mena Romio | Benedetto Aquilone | Jenifher Barbuto | Federico Orlando | Alessandra Plovino | Ornella Mamone Capria

EDITORS_CONTRIBUTORS

FEDERICO ORLANDO foto e bio su LiQMAG n. 05
GAETANO GIANZI foto e bio su LiQMAG n. 10
PIGRECO foto e bio su LiQMAG n. Zero
FABIOLA COSENZA foto e bio su LiQMAG n. 07

RINGRAZIAMENTI

Per le foto del servizio iGreco open day Tirage e Sboccatura ringraziamo Domenico Liguori, Gaetano Gianzi, Mena Romio e Oreste Montebello che ringraziamo inoltre per la foto di copertina, la foto quarta di copertina iGreco, la foto sfondo della pagina Index e le due foto sfondo delle pagine guest contents ed editors. Per il contributo al servizio Sulla via di Santiago ringraziamo Maria Carmela Di Marte. La foto in questa pagina è di Francesco Visca. Grazie ad Annalisa Mirabelli perché questo numero di LiQMag è stato impaginato con il suo Vaio rosa.


Brief (pubblicato su LiQMag n. 13)

Il prossimo LiQMag avrà un tessuto che reagisce al tatto con mugolii e gemiti se toccato in un certo modo oppure strilli e imprecazioni se toccato in modo non consono. All’apertura delle pagine si vedranno draghi e dinosauri, unicorni e mammalucchi che volano, ridono, giocano e ti guardano. Se non ti lecchi le dita.. molto probabilmente non vedrai niente di tutto questo. La sostanza lisergica – di cui saranno intrise le pagine del nuovo LiQMag – per essere assimilata bisogna metterla in bocca o al limite inalarla. Quindi se sei miope e ti avvicini molto alle pagine e non ti lecchi le dita, può essere che vedrai comunque i draghi e gli unicorni di cui sopra altrimenti o ti lecchi le dita e sfogli le pagine o finirà per non piacerti. Il prossimo numero di LiQMag finirà per non piacerti. Sempre che tu ne abbia cognizione. Potrebbe non essere visibile a tutti. Un accesso User e Password tramite la lettura dell’iride oppure – tornando alle dita – un accesso tramite impronte digitali. Un contenuto diverso per ogni lettore con una pagina dedicata al DNA dove – se sfreghi su con un qualsiasi pelo del corpo (capelli, peli pubici, barba..) – ti restituisce la provenienza genetica (tipo che prima eri una rana) e ti dice quali malattie sono per te dietro l’angolo, pronte a farti fuori nonostante i tuoi sforzi nel cercare di evitare l’inevitabile. Oppure sarà un numero telepatico tipo che pensi LiQMag e ti arrivano i contenuti in Wi-Fi. Ma comunque sarà.. sarà sempre liquida e se non sarà liquida non sarà LiQMag.

Lasciaci un segno del tuo passaggio..