Nuove tecnologie per l’agricoltura

Una soluzione per soddisfare la richiesta dei cibo proveniente da tutto il mondo è l’introduzione nel settore agricolo di un metodo per la coltivazione utilizzabile dalle prossime generazioni. Cinque le innovazioni previste: i gemelli digitali, la filiera alimentare, i microbi, gli agenti patogeni e il ciclo produttivo chiuso.

Ma se la tecnologia fa passi da gigante nel prendersi cura della salute e della bellezza dell’uomo, non si tira indietro neanche nella sicurezza alimentare con nuovi algoritmi di intelligenza artificiale che nei prossimi 5 anni porteranno innovazioni nel settore per far fronte ai continui cambiamenti climatici che limitano le risorse idriche.

A fare il passo più lungo della gamba è stata l’IBM, azienda mondiale nel settore informatico che ha presentato a San Francisco un Focus sulla richiesta del cibo da tutto il mondo introducendo nel settore agricolo un metodo per la coltivazione che le prossime generazioni potranno utilizzare. Cinque le innovazioni previste: i gemelli digitali, la filiera alimentare, i microbi, gli agenti patogeni e il ciclo produttivo chiuso. I gemelli digitali “digital twin” sono copie di un prodotto che permettono all’azienda di risparmiare sulla creazione del prototipo fisico. Interagendo tra di loro nel mondo digitale si permette la condivisione di risorse, l’aumento della produzione agricola con un minimo impatto ambientale.

A beneficiarne saranno produttori e fornitori agricoli, distributori di generi alimentari, banche e organizzazioni umanitarie; con la filiera alimentare “distributed ledger technology” ognuno saprà quanto produrre, ordinare e spedire per evitare sprechi; la mappatura dei microbiomi consente di conoscere la caratteristica degli alimenti per garantirne provenienza e qualità; gli agenti patogeni saranno controllabili tramite un apparecchio portatile, come anche un semplice cellulare rivelando la presenza dei contaminati negli alimenti; il ciclo di produzione chiuso mira con il “VolCat” a sfruttare rifiuti e scarti per produrre nuovi prodotti con materiale riciclato (packaging): un processo chimico che trasforma alcune materie plastiche in sostanza riutilizzabile.

Foto copertina Joao Marcelo Marques
Testo di Deborah Furlano
www.facebook.com/deborah.furlano

Ricominciamo dalla “fase 2” – per dare stimolo e motivazione ai nostri Creativi e alle nostre Imprese – pubblichiamo sul Sito/Blog alcuni Servizi usciti nelle precedenti edizioni della Rivista LiQuida su carta. Man mano potrete leggere anche nuovi Servizi in attesa di stampare il prossimo numero.

Leggi la versione PDF di LiQMag 16

Views:

3 letture

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *